bla bla blogger 2 maggio 2016

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia per questa settimana la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Legge la frase. La rilegge. Una, due, molte volte. Se non fosse sicura della buona fede di chi scrive, Carla penserebbe a un’esagerazione o sospetterebbe di essere presa in giro. Guarda l’orologio. Pensa che non ha una risposta. Sente ancora il calore del messaggio. Forse di questo si tratta. Calore.
Nel frattempo le Briciole Golose sfornano, cuociono, impastano, lievitano, montano, frullano, tritano, decorano e glassano qualsiasi cosa la mente umana possa aver voglia di mettere nello stomaco (purché entri in un forno). Per esempio la torta Mimosa.
Lascia fare a me, monterò questi tuorli d’uovo in men che non si dica. Sentirai che crema”
E’ possibile tenere fede, con determinazione, alla realizzazione di un progetto che diventa motivo di costruzione della propria vita. Non importa se agli altri questo non pare possibile o lontano dal proprio ambiente “genetico” in cui si è vissuti fino ad ora. La cosa fondamentale è crederci e porre in essere azioni al fine di raggiungere l’obiettivo.  Dunque in termini umani questo significa “lavorare” affinché i propri desideri diventino reali.
Del resto, la forza di chi innova sta spesso nella domanda “perché no?” e nel guardare ciò che fanno gli altri e farlo in modo differente, pescando risorse e competenze al di fuori del recinto nel quale pascolano tutti.
Che a volte potrebbe tradursi anche nel coraggio di dire NO a un cliente.
Come si fa una ricerca su Twitter? Attraverso due utilissimi strumenti, i quali permettono di spulciare tra i tweet in modo rapido ed estremamente mirato: la ricerca avanzata e gli operatori di ricerca.
Scrivener è invece un tool di scrittura che può essere utilizzato da chiunque scriva. Libri, novelle, sceneggiature, tesi, ricerche possono trovare spazio al suo interno. La sua versatilità lo rende interessante anche per l’attività di blogger.
Ma mentre parlo, Maya russa rumorosamente. Deve essersi addormentata sulla sua sdraietta…

Ovvero:

Scrittura, Blogging
Calore. di Paola Giannelli

Cinquanta sfumature di giallo. di Gianluca Meis

Diverso è meglio. di Andrea Girardi

Social Media
Twitter: la ricerca avanzata e gli operatori di ricerca. di Simone Bennati

Marketing
3 passi per dire no e offrire un ottimo servizio. di Paolo Fabrizio

Psicologia, Pedagogia
Come giungere al karma da pedagogista incapace attraverso Zootropolis! di Monica D’Alessandro Pozzi

Il cane del mio psicologo. di Laura Salvai

Cucina
I sogni son desideri chiusi in fondo ad una Torta Mimosa delle Briciole Golose. di Alessandra Bruni

Tools, Tutorials
Scrivener: pro e contro. di Alessia Savi

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Margherita Penza, Anna Wood, Noemi Bengala, Andrea Girardi, Sylvia Baldessari, Valeria Bianchi Mian, Annarita Faggioni.

**************************************************************

Un particolare ringraziamento va ancora ai blogger che nel mese di Aprile sono stati più attivi nel gruppo facebook Adotta 1 Blogger, attraverso adozioni, condivisioni, segnalazioni, commenti e suggerimenti.

Eccoli, i magnifici 7: Sonia Bertinat, Francesco Ambrosino, Rita Fortunato, Valeria Bianchi Mian, Nick Murdaca, Andrea Toxiri, Gloria Vanni.

aprileb

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 22 febbraio 2016

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia per questa settimana la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Probabilmente leggiamo anche il retro delle etichette dei cibi che compriamo, quelle belle ricche che raccontano di come sia stato coltivato il grano per produrre il pancarrè di cui ci stiamo ingozzando. Perché nutrirci di storie è la nostra natura.
Puoi volare nel senso letterale del termine, teletrasportarti da un luogo all’altro, incontrare avatar di ogni parte del mondo, visitare luoghi che nella realtà neanche potresti immaginare e allo stesso tempo dare spazio alle relazioni sociali… Dove? In Second Life, con i suoi pro e contro.
Nella “first life”, invece, in seguito ai recenti aggiornamenti di Instagram, possiamo ora gestire più account, funzione tanto desiderata quanto chiacchierata in ambiente Android poiché ha causato diverse problematiche.
E in ogni caso, anche su Instagram le relazioni sono fondamentali per costruire community forti e coese; e per far ciò è necessario che un influencer abbia la capacità, la pazienza e la volontà di dialogare e/o interagire con i propri follower.
Se poi è vero che l’epoca della comunicazione scritta è giunta al capolinea e che il futuro della stessa è quasi totalmente in mano ai video, meglio utilizzare dei tool in grado di donare ai link ai video di YouTube la medesima visibilità della quale godono i video nativi di Facebook. Come YT2FB, ad esempio.
Sei mai stato alle Grotte di Pertosa-Auletta?  Rappresentano l’unico sito speleologico in Europa dove è possibile navigare un fiume sotterraneo addentrandosi verso il cuore di una montagna, una delle grandi perle del Parco Nazionale del Cilento. Sembra un viaggio in se stessi…
E poi, dalle grotte ai coworking con co-baby, spazi di conciliazione famiglia-lavoro dove prendere in affitto uno spazio di lavoro, fare quattro chiacchiere con qualcuno in pausa caffè invece che caricare la lavatrice ed avere a pochi metri il proprio bambino accudito da brave educatrici.
Non per perfezionismo, ma per procrastinare… La procrastinazione non è un male assoluto, dipende dall’uso che se ne fa. L’uso buono è quello che lascia sedimentare un progetto o un’idea prima di spedirla fuori. Aiuta a guardarla da un’angolazione diversa, spesso nuova, a cogliere dettagli che erano sfuggiti, a smussare, a limare o a dare un respiro e uno slancio alla creatività.
E per una volta consoliamoci, perché non brucerà l’ardore per l’infinito, e per l’infinito universo, concepito dall’amore di un infinito Dio, composto da mondi infiniti, infinitamente da amare.

Ovvero:

Scrittura, Blogging
Storytelling, i 7 archetipi di storie da utilizzare.  di Alessandra Arpi

A.D. 17 febbraio 1600. di Rita Lopez

Marketing
La ricerca della perfezione uccide idee e business. di Marianna Farese

Social media
Numeri o relazioni:un vero influencer cosa sceglierà? di Angelo Cerrone

Pedagogia, Psicologia
Voglio una Second Life. di Sonia Bertinat

Due co-working con co-baby a Roma e un albo illustrato. di Ilaria De Vita

Turismo
Un anno di Ulisse alle Grotte di Pertosa-Auletta. di Anna Pernice

Tools, Tutorials
Instagram. multi account, like e followers. di Francesco Effeslash

YouTube o Facebook? La comunicazione si fa video. di Simone Bennati

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Silvia Camnasio, Francesco Ambrosino, Luca Borghi, Monica D’Alessandro Pozzi, Andrea Girardi, Bruna Athena, Francesco Magnani, Sergio Consoli.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 1 febbraio 2016

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia per questa settimana la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Potrebbe interessarti una panoramica sulle migliori applicazioni fotografiche per Android, dallo scatto alla modifica fino a giungere all’archiviazione e condivisione. Insomma un vero e proprio flusso di lavoro fotografico.
Oppure  saper utilizzare Google+ per il lavoro, partendo da un esempio di utilizzo concreto per spingere il proprio blog.
Quindi ora, anzichè produrle in serie alte, perfette, longilinee e dai visi perfettamente simmetrici e armonici, hanno pensato bene di produrre anche bambole più bassine e tarchiatelle. Ma anche le bambole più tarchiate hanno comunque visi simmetrici e armonici, le caviglie sottilissime, le braccia tornite e i nasini all’insù. Sono poi così realistiche le nuove Barbie?
Ah, l’ambizione! C’è chi sa viverla bene e chi no. C’è chi si lascia ispirare e chi, invece, appena ha un desiderio un po’ più elevato degli altri, lo ricaccia giù giù giù nel fondo del suo cassetto.
Interessante l’intervista al diciassettenne sull’utilizzo della Rete, tra social e app!
Se quello che nel Web manca è la gestualità, la prossimità, la fisicità, è allora anche vero che è importante imparare a comunicare servendosi di uno strumento che ha caratteristiche e peculiarità tutte sue.
Il blog è anche una questione di orgoglio, ma nessuno perde la faccia se per orgoglio si concede un periodo col lusso del mutismo selettivo. Continuo a chiedermi se effettivamente, tutti questi che pubblicano a raffica articoli copia e incolla di “divulgazione sulla comunicazione on line” effettivamente poi lavorino davvero nel settore.
Persino a scuola, alla fine del primo quadrimestre (o del trimestre… già, perché in tante scuole ora abbiamo i trimestri e i pentamestri) ci si prende un attimo di pausa!
Pausa, ecco, è proprio quello che ci vuole per leggere piacevolmente i #CurriculumDelLettore di Gennaio.

Ovvero:

Social media
A lezione da un 17enne: il Web tra mobile, social e chat app. di Paolo Ratto

Scrittura, Blogging
I 10 mantra della Comunicazione nel Web [+Infografica] di Ludovica De Luca

La coerenza dell’incostanza nel blogging. di Sonia Calamiello

#CurriculumDelLettore, un gennaio professionale. di Rita Fortunato

Pedagogia, Psicologia
Come era un tempo il febbraio; a scuola. di Monica D’Alessandro Pozzi

Ecco le Barbie realistiche, sarà, ma io le vedo ugualmente snob. di Delia Enigmamma

Che differenza c’è fra l’ambizione e un salto nell’iperspazio? di Paola Fantini

Tutorials, Tools
Le migliori 10 applicazioni fotografiche per Android. di Francesco Effeslash

[Social Network e Lavoro]: Utilizziamo Google Plus. di Andrea Toxiri

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Luca Borghi, Raffaele De Sandro Salvati, Simone Bennati, Francesco Ambrosino, Sylvia Baldessari.

**************************************************************

Un particolare ringraziamento va ancora ai blogger che nel mese di Gennaio sono stati più attivi nel gruppo facebook Adotta 1 Blogger, attraverso adozioni, condivisioni, segnalazioni, commenti e suggerimenti.

Eccoli, i magnifici 7: Silvia Camnasio, Massimo Della Penna, Nick Murdaca, Daniela Conte, Rita Fortunato, Valeria Bianchi Mian, Francesco Ambrosino.

gennaioba cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 18 gennaio 2016

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia per questa settimana la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Grazie alle nuove tecnologie di comunicazione condividiamo più contenuti, da un numero maggiore di fonti, con un numero maggiore di persone, più spesso e più velocemente.
Ciò detto, se nei miei contatti ho una zia di 70 anni a questa potrebbe non interessare il mio ultimo post dove pubblicizzo il mio corso di web marketing che partirà la settimana prossima, come al mio collega (o cliente) potrebbe non interessare una mia foto quando mi sono spaccato alla festa della birra. Ecco perché è utile creare le liste su Facebook.
Poi però arriva la foto di Mark Zuckerberg alle prese con un pannolino e fa strage di like e condivisioni. Roba da non crederci. Qualunque donna si sia cimentata nell’impresa di lavorare con un bimbo piccolo in casa sa bene che il pargolo va nascosto come la peste davanti ai clienti, se si vuole conservare un minimo di credibilità.
Per forza poi arriva in soccorso #liabbiamoaiutaticosì: è una nuova rubrica, che racconta storie vere, di persone normali per qualcuno ma speciali per qualcun altro.
Devo confidarvi un segreto: il livello di attenzione è direttamente collegato al livello tonico del corpo. Non ci importa sapere se è l’attenzione a cedere per prima e il corpo la segue, oppure se il corpo cede e l’attenzione gli va dietro. Le due cose sono, in ciascuno dei due casi, strettamente collegate.
Fatto sta che torniamo sul luogo del delitto, a Torino per visitare alcuni luoghi scelti da Dario Argento per il suo capolavoro thriller “Profondo Rosso”, del 1975. Prima fra tutti, “la villa del bambino urlante“.
La grande lezione che ci viene fornita dai romanzieri di successo è quella di collegare le vite dei personaggi a dei grandi fatti storici. E’ nostra responsabilità, in fase di ideazione, che gli eventi storici tocchino e siano congiunti agli eventi dei personaggi. Insomma, bisogna ingegnarsi e attingere al talento scenografico.
Fatto quello, il passo successivo è quello di creare un eBook in modo semplice e gratuito, seguendo 5 step alla portata anche di chi non è un utente esperto.
E intanto che ci siamo, che ne dici di una bella guida chiara e intuitiva su tutto quello che c’è sa sapere per iniziare a pubblicare su Pulse, la piattaforma di blogging di LinkedIn?

Ovvero:

Social media
La psicologia del condividere sui Social. di Leonardo Vannucci

Scrittura, Blogging
L’incredibile caso del furto del lieto fine. di Mara Roberti
Romanzo in Diretta #2: Ricerca e riassunti. di Gaspare Burgio

Rubriche
#liabbiamaiutaticosì di Silvia Camnasio

Turismo
La villa del bambino urlante e altri delitti. di Alessandro Borgogno

Pedagogia, Psicologia
Attenzione nei bambini: come allenarla. di Marcella Ortali

Tools, Tutorials
Ecco perché (e come) usare le liste di #Facebook. di Andrea Toxiri
Come creare un eBook in 5 step (+1) [eBook Gratis] di Francesco Ambrosino
Come pubblicare su LinkedIn Pulse [Guida per principianti] di Maria Cristina Pizzato

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Simone Bennati, Valentina Perucca, Giuseppe Monea, Valeria Bianchi Mian, Sylvia Baldessari, Barbara Olivieri.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger e… Buon Natale!

Rassegna stampa natalizia della community #adotta1blogger

bloggeravvento

E il primo Natale di #adotta1blogger è arrivato!
Porta con sé piccoli gesti, meraviglia, voglia di afferrare la vita, paura, rispetto per le emozioni, consigli di marketing, ma anche il desiderio di un fidanzato come si deve, la capacità di accorgersi dell’altro, legami, assenze… e tempo per scoprire e riscoprire chi siamo, attraverso ciò che scriviamo e leggiamo.

Come in una staffetta, la nostra community è giunta a Natale  grazie al testimone che ci è stato consegnato dai blogger che nel mese di Dicembre, giorno dopo giorno hanno fatto capolino dalle caselle del #bloggeravvento* per donarci un loro post. Il regalo più prezioso, per una community fondata sulla condivisione della conoscenza.
Questo testimone, giunto fino a qui, è il presente che abbiamo costruito. E, come sempre, ci piace condividerlo. Godiamocelo appieno e abbiamone cura!

Buon Natale a tutti, da tutti NOI!

Come io vedo il Natale, da obbligo a festa. di Emma Frignani

Il Natale dei legami. di Carmen Innocenti

Caro Babbo Natale, la vendetta è un piatto da servire salato: struffoli cacio e pepe. di Alessandra Bruni

Happy Christmas Horror Christmas. di Cinzia Re

Il Natale del Social Media Manager. di Carlos Bellini

Natale E-commerce. di Valentina Baldon

Buon Natale, con Il Grinch. di Rita Fortunato

Noi, le non-mamme di figli erranti. di Anna Pompilio

Slow blog e l’importanza dei piccoli gesti. di Silvia Badriotto

Vita, morte e miracoli. Un racconto di Natale di Francesco Ambrosino

* Il #bloggeravvento lo puoi trovare su Twitter, cercando il medesimo hashtag. Non ti puoi sbagliare perché è una creazione di #adotta1blogger! Oppure di seguito trovi i post dei 24 blogger che hanno partecipato nel periodo 1-24 dicembre, ovvero: Miki Moz, Marina Innorta, Stefania Cunsolo, Valentina Perucca, Simone Bennati, Stefano Bersanetti, Ivana Baffi, Luca Bedino, Delia Enigmamma, Mauro Ronci, Maria Luisa Roncarolo, Sonia Calamiello, Valeria Bianchi Mian, Alessia De Bonis, Mara Roberti, Monica D’Alessandro Pozzi, Noemi Bengala, Emanuele Secco, Valentina Baldon, Sylvia Baldessari, Gloria Vanni, Natalia Robusti, Mimma Rapicano, Sonia Bertinat.

Buone feste, buona lettura e arrivederci al 2016!

Paola Chiesa

 

 

 


bla bla blogger 22 dicembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Tutto ci ruota attorno vorticosamente. Dalla sveglia alla buonanotte. Cesso, doccia, caffé, camicia, smartphone, macchina, lavoro, colleghi, mensa, pc, metropolitana, supermercato, divano, tv, cena, lei, vino, piatti, letto, noi.
Poi ci sono le varie società di credito britanniche che eseguono ricerche in tempo reale col fine di localizzare sui nostri profili sociali eventuali esternazioni personali, negative, di carattere economico.
Credo che ognuno debba costruire il suo proprio universo di abitudini e rituali, che gli permettano di affrontare la vita, ripristinando di continuo quella sorta di equilibrio fluido che pavimenta la nostra esistenza.
Un conto è demitizzare e un conto è demolire.
Molte leggende si narrano su Tin Hinan, passano di bocca in bocca, e ispirano poetesse e poeti, narratori e narratrici con i suoi misteri, lasciando tracce come il vento sulle dune.
Mi metto a leggere “Acqua nera” di Joyce Carol Oates perché mi serve qualcosa di breve prima dell’inizio di un gruppo di lettura su Camus.
Conosci le origini del logo di New York?

Ovvero:

Fallo piano. di Centocaratteri

Sei un cattivo pagatore? Lo dicono i social. di Alessandro Pozzetti

Concentrazione e pesci rossi. di Emma Frignani

61. Neorealism. di Emanuele Secco

C’era una volta una regina… di Tatiana Martino

In breve: “Acqua nera” di Joyce Carol Oates. di Valentina Accardi

Milton Glaser: New York Logo’s Origins. di Bob

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Bruna Athena, Noemi Bengala, Alessandra Bruni, Benedetto Motisi, Monica D’Alessandro Pozzi, Davide Giuseppe Spoto.
a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 18 dicembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

L’Inbound Marketing è un insieme di strategie focalizzate sul farsi trovare da persone interessate al nostro prodotto e servizio, attirarle verso il nostro marchio e farle diventare contatti, poi clienti e infine promotori.
Non lasciarti prendere la mano da progetti assurdi. Comincia semplicemente dall’inizio, e alla fine tornaci.
Come il mare che si adatta a ciascun limite e confine senza restarne prigioniero: trasforma solo la propria forma in un’altra forma.
Correte, bambini, sbucciatevi i ginocchi! Bucate i calzoni, graffiatevi le mani. Correte senz’altra ragione che l’urgenza di vivere. E’ la multipotenzialità, bellezza! Magnifica scoperta e quanta leggerezza nel mio saltellare qua e là tra scrittura e ospitalità, formazione e comunicazione, crescita personale e benessere, sostenibilità e cose semplici.
Guarda, a me le dichiarazioni del Ministro non sono piaciute per niente. Prima di tutto perché suppongono che i ragazzi si debbano iscrivere all’Università per trovare lavoro. No, all’Università ti iscrivi se hai voglia di studiare. Sono due cose diverse.
Pulse ha tantissimi vantaggi ma il successo di questo servizio è legato principalmente a due fattori:divulgazione dei contenuti ed insight. Ma è necessario pubblicare contenuti di qualità e pertinenti con gli interessi di chi è iscritto al network perché con i gattini, con donne in autoreggenti e con gli indovinelli non si valorizza certo la propria professione.

Ovvero:

Inbound Marketing: cos’è e come implementarla. di Marina Pitzoi

Corso sprint di scrittura creativa. di Olivia Crosio

Lasciate correre i bambini. di Maddalena

Pulse è utilissimo per il Personal branding. di Angelo Cerrone

Perché la multipotenzialità è sexy. di Gloria Vanni

Si gioca come si vive. Riflessioni sugli studi universitari. di Guido Saraceni

La voce delle conchiglie. di Natalia Robusti

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Emma Frignani, Roberto Gerosa, Carmen Innocenti, Antonio Rotundo, Raffaele De Sandro Salvati, Paola Spera.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 16 dicembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Il segreto della fotografia è che la macchina assume il carattere e la personalità di chi la tiene in mano.
Che si decida di rimanere in commossa solitudine o di invitare qualcuno, lo stare in casa è sinonimo di immediatezza, controllo e personalizzazione: scegli tu cosa fare e cosa non, chi vedere e chi non, che cosa ‘danno al cinema’, la playlist musicale… E in questo il mondo digitale è una grande risorsa, perché porta possibilità, quantità e qualità di scelta.
Stanotte non ho chiuso occhio. L’altra sera c’è stata una scossa di terremoto, tira vento di guerra, la mia gatta mi ha tolto il saluto da ieri e mia mamma fa finta di niente. Io devo partire per l’Oman, e tutti fanno finta di niente.
Come affrontano la questione dei bimbi ammalati mandati a scuola, le mamme “possibiliste” e le mamme “senso civico”?
Lo studio deve servire per cercare delle risposte, per scoprire l’alterità, per arricchirsene, per formare il proprio senso critico.
Ma come finisce “Occhi di gatto“?
E scrivere un articolo al giorno toglie il SEO di torno?

Ovvero:

58. Personalità. di Emanuele Secco

Stare in casa is the new uscire’: dentro un trend generazionale. di Eugenio Fasulo

Come Partire per l’Oman e Fare Finta Di Niente. di Eli Sunday Siyabi

Bambini ammalati mandati a scuola. di Sabina Frauzel

Lettera aperta ai giovani universitari. di Futura Pagano

[come finisce] #OcchiDiGatto. di Miki Moz

Un articolo al giorno, toglie il Seo di torno? di Roberto Gerosa

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Noemi Bengala, Daniela Conte, Sara Della Torre Valsassina, Luana Galanti, Federico Chigbuh Gasparini, Maria Luisa Roncarolo.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 1 dicembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger – speciale 7 membri più attivi nel mese di Novembre.

Questo numero della rassegna stampa contiene i post dei 7 membri che nel mese di Novembre sono stati più attivi nel gruppo facebook Adotta 1 blogger, attraverso adozioni, condivisioni, segnalazioni, commenti e suggerimenti. Si tratta di Valeria Bianchi Mian (Torino), Sonia Bertinat (Torino), Nick Murdaca (Milano), Rita Fortunato (Udine),  Anna Pompilio (Roma), Ferruccio Gianola (Lecco), Andrea Toxiri (Roma). In questo appuntamento mensile, i nostri blogger ci mettono la faccia. Come sempre, l’augurio è quello di vedere alternarsi e di presentarvi nelle pagine di questa rassegna stampa, volti sempre nuovi e diversi dei nostri blogger. A riprova del fatto che #adotta1blogger è una community variegata, condivisiva, orizzontale ed in costante crescita! Numero attuale dei membri della community: 877

novembrebBuona lettura!

Il #CurriculumDelLettore di novembre è come una copertina e una tazza di the caldo perché, in ogni partecipante c’è sempre un titolo che ti scalda il cuore e ti insegna a guardare la realtà con un punto di vista sempre nuovo e privo di pregiudizi.
Possibile invece che, sia che si tratti del sindaco di una grande città, del responsabile marketing di una grande azienda o di un nuovo fornitore che subentra in un appalto, l’idea di partenza è: adesso vi faccio vedere io? Il nuovo non si costruisce sul nuovo.
Se ti succede di tamburellare impazientemente con le dita sul tavolo o vedere persone sedute che, anche se in silenzio, dondolano di continuo una gamba, è perché, in quel momento, la mente è sopraffatta da un flusso incontrollato di pensieri e l’energia creata si manifesta attraverso il corpo.
Se li vogliamo controllare, dobbiamo rallentarli e possiamo riuscirci controllando i nostri movimenti.
Senza esagerare. Floreana, la protagonista del libro “L’albergo delle donne tristi” di Marcela Serrano, ha un passato di delusioni che l’hanno portata addirittura a decidere che la castità sarà la sua via ideale. Quante volte, come Floreana, abbiamo lasciato congelare un’emozione, un sentimento per la sola paura di viverlo? O ci si è isolati dal mondo delle emozioni per non soffrire?
The scandalous Lady W, invece, è un film sulla storia di una donna “scandalosa” come solo la libertà può essere. Lady W. sceglie, osa, sfida!
La lettura ad alta voce rende più sicuri e assertivi quando si parla con qualcuno, ma anche meno timidi e più padroni del proprio linguaggio. Paradossalmente il fatto di dare importanza alla mia voce, rende importante anche quella degli altri, tanto che ora li ascolto molto di più. Le parole che escono dalla nostra bocca, se dette in modo corretto e giusto, sono musica.
E se volessi creare delle GIF, come potrei fare?

Ovvero:

#CurriculumDelLettore, un novembre creativo. di Rita Fortunato

Il nuovo che avanza. di Anna Pompilio

Femmina scandalosa dotata di penna – considerazioni sulla storia di Lady Worsley e altre faccende libertine e libertarie. di Valeria Bianchi Mian

Il ghiaccio interiore ne “L’albergo delle donne tristi” di Marcela Serrano. di Sonia Bertinat

Rallentare il corpo per rilassare la mente. di Nick Murdaca

Leggere ad alta voce. di Ferruccio Gianola

GIF Maker: Creare delle GIF con due click. di Andrea Toxiri

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Stefano Bersanetti, Emma Frignani.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 26 novembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

In Amazon Books, la prima libreria  “in carne e ossa” di Amazon, i volumi selezionati si baseranno sugli ordini dei clienti, sui loro giudizi e recensioni, sulla popolarità conquistata su Goodreads senza tralasciare le classifiche di vendita e le valutazioni dei curatori.
E probabilmente anche lì qualcosa sui Romanov troveremo, no?
Conosci la prima regola della satira? “Nella satira non ci sono regole!”
Tanto, vivere ti cambia di per sé la vita.
Ciò che fa la differenza è la dedizione che uno ha nei confronti del proprio progetto.
L’anno in corso io lo evidenzierei tutto, ma proprio tutto, con l’oro.
Anche se l’Ombra collettiva ci riguarda tutti, e Carl Gustav Jung per primo approfondì questo argomento addentrandosi nelle oscurità dell’inconscio.

Ovvero:

Come Amazon sceglie i testi per la sua nuova libreria, di Federica Colantoni

Romanov: fine di una dinastia, di Chiara Minutillo

55. Regole, di Emanuele Secco

Tutti pazzi per l’assassino – necrocultura e cultura della malvagità vanno a braccetto nell’immaginario contemporaneo , di Valeria Bianchi Mian

Spazi inclusi, di Eleonora Nila Viganò

Dedizione, e voglia di cambiare le cose! di Judy Blackmore

Col sole in fronte, di Wabi Sabi

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Chiara Bertora, Federica Colantoni, Anna Pompilio, Alessia Savi.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 24 novembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Non sono un’amante dei risotti. Li mangio, li trovo sotto certi aspetti coreograficamente deliziosi, ma spesso mi lasciano addosso un senso di insoddisfazione.
E allora rispolvero la mia lista di film che ho ammirato di più, e mi riguardo Shrek.
A volte, pur mantenendo il proprio stile, qualcosa spinge all’acquisto di quell’abito/accessorio/scarpa che poi si vede indossato anche dalle amiche. Quale strategia si cela dietro ai brand di moda (soprattutto online)?
A Milano la Fondazione Prada è stata voluta dall’omonima casa di moda come uno spazio dedicato ad arte, cultura ed incontro.
Il mondo va avanti perché esistono persone che rendono significativi i nuovi traguardi della tecnologia. Quelle persone sono gli umanisti.
Perchè certi post fanno flop e altri fanno boom? Spero che non valuterai il successo di un articolo solo ed esclusivamente in base ai like su Facebook o ai retweet e ai +1 di Google Plus.
I fortini dietro cui ci barrichiamo sono fortini mentali  che ci isolano e ci fanno sentire soli e inermi.

Ovvero:

Il risotto alle rose di Gabriele D’annunzio, di Ferruccio Gianola

I 5 cartoni più profondi e istruttivi. di Delia Enigmamma

Il Diavolo Veste Prada anche online. di Francesca Borghi

Il Bar Luce della Fondazione Prada: un luogo speciale fuori dal tempo. di Valeria Moschet

#IoSonoUmanista. di Giulia Mastrantoni

Post che fanno Boom! Post che fanno Flop! di Roberto Gerosa

I fortini contro le frustrazioni: l’isolamento rancoroso. di Sonia Bertinat

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Cristina Arnaboldi, Ambra Arnaldi, Giulia Bezzi, Sonia Calamiello, Federica Colantoni, Susanna Moglia, Antonella Passini, Mimma Rapicano.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 9 novembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Quanto sono importanti le biblioteche, la lettura e l’immaginazione, in particolare per giovani e bambini?
Anche se non ci sarà mai qualcosa che scriveremo e che sarà ritenuto universalmente interessante sulle piattaforme social.
Cosa differenzia una persona che prova disagio da una persona che prova benessere psicologico?
Chissà, magari anche essere stati o meno in una città… Parigi: una città in cui vivrei. Non mi capita spesso di pensarci, ma si, in questo luogo potrei anche stabilirmi, forse per la mia anima romantica, per l’aria artistica che si respira, per la “normalità” con cui si vivono situazioni o cose che dovrebbero esser normali ovunque.
E’ fisiologico un calo in termini di visite e visualizzazioni per un blog? Si, ma a volte servono anche più lettori “multipotenzialisti”!
E poi le mamme… “Hai salutato la signora?” Questo mia mamma me lo chiede ancora adesso quando andiamo insieme da qualche parte. Ho trentacinque anni.
Io non piango, è vero, ma sono campionessa di commozione. Mi commuovo e ogni tanto, fortunatamente, qualcuno davvero bravo che mi faccia la manovra di Heimlich lo trovo e il bello è che la fa passare per un abbraccio.

Ovvero:

Neil Gaiman: “Vi spiego perché il nostro futuro dipende dalla lettura e dalla fantasia”, di Donato Samburgaro

Vuoi diventare interessante su Facebook? Mi spiace, non puoi, di Simone Bennati

Disagio vs benessere psicologico: ecco cosa fa la differenza, di Andrea Epifani

Paris: alla ricerca del gobbo di Notre Dame, di Cattura-Attimi

Ho un calo di visite al blog, come risolvo? di Rita Fortunato

Il pianto e la disostruzione della tristezza, di Enrica Tesio

Le cinque frasi che hanno segnato la mia infanzia, di Beatrina Incorporella

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Francesco Ambrosino, Sonia Bertinat, Chiara Bertora, Giulia Calli, Rita Fortunato, Allegra Micky.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 23 ottobre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Siccome qui non siamo a dieta, per cominciare ci gustiamo una bella fetta di VegCake integrale al cacao e cocco. Non sono vegana né vegetariana, ma adoro sperimentare e scoprire nuovi alimenti e prodotti…
Ed ora possiamo affrontare i massimi sistemi. “Ma ti pagano?” è una domanda che tutti gli addetti ai lavori che bazzicano a tavole rotonde, forum e conferenze sulle ultime tendenze in ambito digital e social si sono sentiti fare, almeno una volta, dai propri padri.
Un freno sul desiderio di muovere delle critiche permette una bella autoanalisi personale, fa risparmiare energie nervose e poco alla volta si diventa più sereni e sicuri delle proprie qualità.
Si è tanto fortunati ad essere amati, ma ancora di più a riuscire ad amare, perché è un sentimento che non tutti sanno provare. Amare senza riserve, si. Ne siamo capaci?
Forse dipende anche dalla “comunicazione”… ma che cos’è questa parola-marmellata, questa parola-valigia, come direbbero i linguisti? Non somiglia forse a un ponte? Un ponte fatto di lettere, di sillabe, di parole che pongono in relazione se stessi con gli altri.
Funziona così, dobbiamo prenderci cura della nostra creatività, come faremmo con un giardino che necessita di attenzioni quotidiane.
Come quel tizio. Nel tardo pomeriggio vengo a sapere che si sta svolgendo l’inaugurazione di un’edicola nel mio paese di 700 anime. Bisognava andare a vedere chi fosse il coraggioso…

Ovvero:

VegCake integrale al cacao e cocco #mangiapositivo. di Michela Dessì

Ma ti pagano? Fra digital e nuove professioni. di Francesco Gavatorta

La mediocrità di chi critica. di Ferruccio Gianola

Le persone contano, sempre. di Paola Toia

Parlarsi. di Paola Cerana

“Cultivating creativity – daily rituals for visual inspiration” di Maria Fabrizio. Silvia Comerio

La prospera edicola di Andrea Torti. di Monica D’Alessandro Pozzi

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Simone Bennati, Giulia Bezzi, Luca Borghi,
Antonio Dimitrio, Emma Frignani, Roberto Gerosa, Antonella Passini, Anna Pompilio.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 15 ottobre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Per definire una strategia per la scelta delle parole chiave, potremmo anche fare una bella esercitazione!
Che in fondo è come vivere l’aggiornamento professionale a mo’ di sport, con tanto di allenatore, allenamento, esibizione, gara e campionati.
A volte basta focalizzarsi su una parete per dar carattere ad un intero ambiente. E immaginare paesaggi da sogno, disegni delicati, grafismi geometrici e viste di città….
Per poi scoprire che ogni umano ha un amico serpente. Possiamo ammetterlo: noi donne ne sappiamo qualche cosa in più. Vuoi per questioni di storia dei giardini – un certo Eden – vuoi per faccende simboliche relative alle divinità precristiane, noi fanciulle di ogni età abbiamo a che fare con un amico interiore che dall’immaginario ci chiede di essere riconosciuto.
Ma non chiamiamola nè utopia nè distopia, perchè entrambe hanno alla base il principio nevralgico di una società perfetta, estremizzato da un lato in positivo e nell’altro, in negativo.
“Cercai un posto per dormire fra le nubi: tutto occupato. Luna, luna, dove sei? Musa delle mie notti pourquoi cet abandon? Cavalieri neri brandivano spade di gelo, soffiavano odio e tramontana…”
La collera e l’ansia inducono le persone a condividere perché, come la meraviglia, sono emozioni intense, ad alto tasso di eccitamento; innescano la scintilla , scuotono e spingono all’azione. Click. Condivisione avvenuta.

Ovvero:

La tua keyword strategy in 3 passi. di Leonardo Bellini

Formazione: training, performance, casque’! di Silvia Comerio

Come dar carattere ad un ambiente con la carta da parati. di Laura Petrolo

Ogni donna ha il suo serpente. di Valeria Bianchi Mian

Il sogno (Dis)topico. di Alessia Savi

Paris, Paris… (Dal mio diario, 1987) di Antonio Dimitrio

Eccita i tuoi lettori per aumentare le condivisioni. di Andrea Toxiri

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Rita Fortunato, Ilario Gobbi, Laura Tonus.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 7 ottobre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Da ragazzo vedi la possibilità di scappare dal nido come la terra promessa, il sogno proibito, la maturità dello spirito. Poi magari ti ritrovi a quasi cinquant’anni a vivere da solo, dopo mezza vita passata con mamma e papà e l’altra con la mamma dei tuoi figli, in un appartamentino vuoto, con le pareti grigie da imbiancare e un materasso buttato a terra che dovrebbe farti da letto.
Più o meno come un lifestyleblogger
Potresti almeno iniziare a misurare la tua attività su LinkedIn!
Saltando da un social network ad un altro non possiamo fare a meno di notare come le persone declinino se stesse sulle diverse piattaforme. Pur nelle distinzioni di comportamento o uso del social c’è una categoria che accomuna alcune persone, ma che forse non ci lascia così immuni: la denigrazione, svalutazione ed attacco dell’altro.
Occorrerebbe tornare al silenzio, alle parole non dette e alla comprensione dell’anima. In molte culture meditative esiste l’alto culto del silenzio come fonte infinitesimale di riflessione, ma nella nostra tutto ciò dove finisce?
…Si volta verso di te, prende il tuo viso fra le mani, ti guarda negli occhi sognante e dice: “Se io avrei una stella…”. Se io avrei… Se io avrei… Blackout. E’ decisamente meglio un gelato alla crema di nocciole e banane!
Ma perché in Italia la pubblicità comparativa è stata per lungo tempo una guerra combattuta a colpi di tabelle e di principi nutrizionali, quasi esclusivamente nel settore agroalimentare?

Ovvero:

Vivo da solo. di Dave Brick Pinza

I blogger della terza C. di Alessia Pesce

Come misurare la tua attività su LinkedIn. di Mirko Saini

Specchi riflessi: i commenti sul web. di Sonia Bertinat

Silenzio o Parole | Comunicazione verbale e non verbale. di Monia Taglienti

La solitudine della grammatica esatta e la sua inevitabile conclusione: gelato banane e crema di nocciole. di Alessandra Bruni

Pubblicità comparativa, Mediaset ci riprova. di Carlos Bellini

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Silvia Ceriegi, Valentina Coppola, Paola Forneris, Nick Murdaca, Anna Pompilio.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 2 ottobre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Quando la condivisione è regina, ne deriva una straordinaria capacità di coinvolgimento.
E se è vero che il popolo è sovrano, il popolo del Web lo è ancora di più. Pensa al caso di Radio Deejay e delle polemiche nate sul web quando Linus ha presentato il nuovo palinsesto della radio!
Il tuo corpo reagisce quando cominci a pensare a un nuovo viaggio e quando finalmente l’hai prenotato, vibra, come la bacchetta di un rabdomante che ha trovato l’acqua?
O magari sei in  dolce attesa e vuoi annunciare l’arrivo di tuo figlio tramite i social. In tal caso, che tu sia o no una star americana, è bene che segua almeno qualche regola di bon ton.
A proposito, pare che non sia ancora del tutto chiaro che Linkedin non è un luogo per corteggiare belle donne o attraenti professionisti, ma è il posto perfetto per ricercare una nuova risorsa da integrare nella propria attività.
In ogni caso, lasciate in pace i ragazzi. Se sbagliano qualcosa – qualsiasi cosa – la colpa maggiore è sempre di chi non li ha saputi educare.
Hai mai assaggiato la pizza di farro “Middlesex” alle due farine?

Ovvero:

#Adotta1blogger: quando la condivisione è regina. di Ferruccio Gianola

Il caso Linus e Radio Deejay. di Andrea Toxiri

L’emozione del prossimo viaggio. di Dana Donato

Gravidanza e Facebook: le sei regole di bon ton. di Frenci Bello

Su Linkedin,il corteggiamento “amoroso” è diventato di routine? di Angelo Cerrone

Più ignoranti di una capra. di Guido Saraceni

Pizza di farro “Middlesex” alle due farine. di Sara Zelda Mazzini

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Simone Bennati, Sonia Bertinat, Giulia Bezzi, Luca Borghi, Nick Murdaca, Andrea Toxiri.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 24 settembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Bastano 15 minuti al giorno per dare un senso alla propria presenza sui social. Imprenditori, giovani professionisti, neolaureati in cerca di opportunità lavorative, otterrebbero un ritorno in termini di visibilità non indifferente.
D’altra parte il blogger si porrà l’eterna domanda: quello che scrivo è degno di essere letto?
L’importante è non tenere i post in bozza. Accade spesso anche nella nostra vita: rimaniamo chiusi nel bozzolo che di volta in volta ci costruiamo dicendo che stiamo solo aspettando il momento di uscire. Quando saremo pronti. Oppure quel bozzolo ce lo teniamo ben saldo perché sì ci limita, a volte ci soffoca. Ma lo conosciamo, ne abbiamo familiarità e ciò che sta fuori, la forma che prenderemmo fuori ci fa paura.
Possiamo educarci attraverso il gioco, anche perché giocando ci si mette in discussione.
E cercare di goderci il mosaico, avendo presente chi siamo, da dove veniamo, e cosa possiamo fare per rendere ai nostri figli la vita migliore. Perché questa, sicuramente, è un’usanza che va avanti dalla notte dei tempi.
Perché in nessun giallo americano, europeo o coreano l’assassino è mai il maggiordomo?
Ricordo la prima volta che lo portai nella mia cucina. Rimasi estasiata dal suo aspetto. Parlo del riso Venere

Ovvero:

Social Network: come sfruttare i tempi morti in modo utile. di Simone Bennati

Quello che scrivo è degno di essere letto? di Ferruccio Gianola

Bozzoli e farfalle: la forza per cambiare. di Sonia Bertinat

Gioco e creatività: da 0 a 99 (e oltre) anni! di Sylvia Baldessari

Mamme e figli anni 80: un mosaico irripetibile. di Delia Enigmamma

5 domande sul cinema che non so a chi rivolgere. di Federica D’Alessandro

Antipasto di Riso Venere in salse fredde. di Stefania Cunsolo

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Francesco Ambrosino, Luca Borghi, Federica Colantoni, Francesco Mercadante, Nick Murdaca, Anna Pompilio.

a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 18 settembre 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Settembre è la sua luce. È molte altre cose ma è, essenzialmente, la sua luce cristallina, definita, calda e generosa.
Va quindi celebrato con un piatto estivo che ricordi vacanze tropicali che neanche ho fatto: una bella e fresca salsa Guacamole.
Ma è anche tempo di dare una sferzata alla scrittura… e non c’è nulla di meglio di un web writing macchiato in tazzina riscaldata. Come ottenerlo? Scrivendo col metodo Moka!
Ma di cosa parlano i SEO quando parlano di SEO? Intanto cominciamo ad azzerare tutte quelle chiacchiere inutili sui famosi contenuti di valore, e preoccupiamoci di più del concetto di utilità, che al SEO Copywriting ci arriviamo…
Ci sono casi in cui è bene scordarsi dei social network.
D’altra parte anche sui social puoi riconoscere quei 10 profili di persone che sicuramente avrai incontrato nella tua carriera di marketer e sviluppatore.
E ora una domanda difficile: come disegneresti il labirinto del pavimento della Basilica di San Vitale a Ravenna?

Ovvero:

Settembre. di Martino Pietropoli

L’estate sta finendo e un anno se ne va? Salsa Guacamole per lenire le ferite. di Alessandra Bruni

Risposte dal Calamo: scrivi col Metodo Moka (Web Writing in tazzina). di Monia Papa

#SeoCamp15: scrivi per il lettore e non per i motori di ricerca. di Francesco Ambrosino

4 casi in cui è meglio scordarsi i Social Network. di Roberto Gerosa

10 persone che incontrerai nella tua attività di professionista del web (e come trattare con loro).
di Maria Cristina Pizzato

Disegna un labirinto e spiegami come hai fatto! di Emanuela Pulvirenti

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Francesco Ambrosino, Luca Borghi, Rita Fortunato, Emma Frignani, Marina Pitzoi, Anna Pompilio.

 a cura di Paola Chiesa


bla bla blogger 25 giugno 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La community di  #adotta1blogger consiglia oggi la lettura dei seguenti post ed articoli “adottati”, ovvero  che sono stati divulgati attraverso i canali social della community con spirito di condivisione, per veicolare e diffondere informazione, formazione e cultura.

Buona lettura!

Formazione in azienda: 3 buoni motivi per usare lo storytelling. di Roberta Migliori

LinkedIn SEO: cosa fare per triplicare le visite al profilo. di Martina De Nardi

L’ombra del vento, oblio e memoria a Barcellona. di Rita Fortunato

Il diavolo moderno irride il simbolo. di Valeria Bianchi

Da Alessandro Magno al Blogger: la gloria e il metodo Totti. di Francesco Mercadante

Persi tra le nevi in Patagonia. di Nicoletta Sala

I mille volti della città contemporanea. di Arianna Senore

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Sonia Bertinat, Ludovica De Luca, Annarita Faggioni, Alessandro Nasdrovian Mariani, Anna Pompilio.

a cura di Paola Chiesa


bla bla bloggers 15 aprile 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

La scrittura non è una semplice operazione, è sinonimo di creatività, che spesso viene affogata dalle richieste professionali. Prova a lavorare sulla formazione, cerca di far capire perché vuoi prendere determinate scelte.

Ci sono tanti motivi per non aprire un blog, ma tanto se sei spinto dalla passione e non da una moda passeggera, vedrai che anche tu andrai alla ricerca di una lista di siti da cui scaricare gratis immagini di qualità per rendere i tuoi post ancora più speciali.
Scrivere è anche un atto di amore e di libertà… che voglia di viaggiare! Ognuno di noi è fatto di arrivi e partenze, incontri e saluti. Tutti i pezzetti della vita che sembrano non avere valore, alla fine compongono un miracolo ordinato di bellezza. E se segui le tre regole “della nonna” per una buona convivenza social, vedrai che “quel che succede a Las Vegas deve restare a Las Vegas e quel che succede a Broadway deve morire a Broadway”.
Dai ormai lo sappiamo che la condivisione è la chiave, il jolly che consente di alzare il volume delle emozioni che si generano… sembra #adotta1blogger, invece è #myperception. In ogni caso è contaminazione ed innovazione.

Ovvero:

Mi pagano per scrivere. E la creatività? di Riccardo Esposito

5 motivi (+ BONUS) per NON aprire un blog di Andrea Toxiri

7 siti da cui scaricare gratis immagini di qualità di Agnese Elsi

In viaggio con BlaBlaCar di Gloria Vanni

La meraviglia: ogni piccola cosa serve di Maria Polita

Paola Saluzzi, Twitter e le “regole della nonna” di Alessandra Toni

Into the (HOLLY)WOODS di Marco Goi

MyPerception: è stato uno spettacolo! di Nico Caradonna

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Lisa Costa, Ilde Garritano, Roberto Gerosa, Andrea Toxiri, Fabio Vaccari, Gloria Vanni

Buona lettura!

a cura di Paola Chiesa