Poi c’è la Social Innovation…

socialinnovation
La Social Innovation crea valore sociale e nuove collaborazioni

L’innovazione non è un argomento per sole imprese o per centri di ricerca finalizzati a perfezionare, in modo sostenibile o dirompente, un processo, un prodotto, un modello organizzativo o di marketing.
E’ anche un tema che riguarda ormai sempre più da vicino la collettività, assumendo per l’occasione la denominazione di “social innovation“, innovazione sociale.
Essa nella definizione di Geoff Mulgan consiste in nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che vanno incontro ai bisogni sociali e che allo stesso tempo creano nuove relazioni sociali e nuove collaborazioni. In altre parole, innovazioni che sono ad un tempo buone per la società ed accrescono le possibilità di azione per la società stessa.
Ciò che è di stimolo per l’innovazione, in qualunque ambito sia declinata, è il cambiamento dei bisogni, per cui si parte dall’esistente, si cerca di capire quali sono le nuove esigenze, si studia il cambiamento, ed infine lo si mette in pratica. Il tutto secondo un processo continuo che non può prescindere dalla misurazione dei risultati.
Tra Pubblica Amministrazione e social innovation non c’è antagonismo, in quanto l’obiettivo è il medesimo, cioé ricercare soluzioni migliori per soddisfare le esigenze dei cittadini. L’aspetto da migliorare è il fatto che sia l’una che l’altra sono vittime di una cultura dell’innovazione   sbilanciata sul digitale, inteso nella sua accezione restrittiva di tecnologia, piattaforme, banalmente l’hardware ed il software, senza afferrarne la forza dirompente in termini di innovazione culturale, che può impattare sulla qualità e quantità della conoscenza.
Viviamo in una realtà fluida, ma utilizziamo ancora schemi piuttosto fissi.
Ha senso partecipare ad una consultazione pubblica sociale per fornire la propria opinione su un argomento, o a un bar camp, o a un hackathon, senza che preventivamente i cittadini e i vari portatori di interesse si siano adeguatamente informati e formati sullo stesso argomento? In modo tale da confrontarsi obiettivamente sugli stessi dati… e generare proposte effettivamente originali, ma soprattutto contestualizzate? Come fanno a formarsi e ancor più ad espandersi le comunità intelligenti, che presuppongono esigenze condivise e pratica di partecipazione attiva? In quanti sono a conoscenza di questi argomenti?
La tematica è decisamente affascinante, ma  entrerà nella vita delle persone nel momento in cui riuscirà a rendersi necessaria grazie alla sua utilità quotidiana.

Penso a quel grazioso porta rossetto che non riesco mai ad usare perché nessun rossetto ci entra dentro, e sta lì come soprammobile. Che faccio, acquisto un rossetto in base alle dimensioni ? Macché, i criteri di scelta saranno piuttosto il colore, la consistenza, la tenuta ecc. Questione di esigenze e di utilità, appunto, non di ostentazione di un contenitore sicuramente bello ma… vuoto.

Paola Chiesa


0 Comments

Vuoi lasciare un Commento?

Il tuo indirizo e-mail non verrà pubblicato. i campi contrassegnati con * sono richiesti.

Leave a Reply