bla bla blogger 14 maggio 2015

Rassegna stampa della community #adotta1blogger

Chi si laurea in lettere o filosofia non è per forza un letterato o un filosofo, ma sicuramente non è neanche un Punkabbestia travestito da intellettuale. E’ un problema culturale se nel 2015 i disabili debbono ancora lamentarsi per tutto quanto non viene pensato a soddisfacimento delle loro reali necessità. Del resto l’Italia è il Paese in cui i disabili – e le loro Associazioni (quasi tutte) – hanno accettato che venisse inventata la denominazione di «diversamente abili»; c’è quindi da chiedersi che necessità abbiano, se sono diversamente abili ma comunque abili. L’Italia è il Paese dove il Rigoletto è una delle opere più belle e popolari di Giuseppe Verdi, ma può essere anche un gelato, o meglio un  gelato artigianale, che è qualcosa di diverso dall’Ice Cream; e non certo per un fattore di lingua. Tutto ciò che è duale e contrastante incuriosisce, stimola la libertà di pensiero a non cedere ai dettami e ai falsi moralismi della società.
Una società, la nostra, che arriva da lontano, ma che è anche in grado di proporre nuovi modelli di business per progettare, realizzare o sviluppare un progetto, ad esempio con il crowdsourcing, o con tool che migliorano l’engagement dei post permettendo agli utenti di una community di interagire velocemente e piacevolmente con i blog.
Finché crisi mistica non ti coglie, una volta all’anno e ti fa dire: “basta chiudo tutto e mollo il blog!

Ovvero:

Accademici, Punkabbestia o giocatori di calcio di serie C? di Francesco Mercadante

Expo 2015 e le lacune di una cultura di Carlo Filippo Follis

Rigoletto: il gelato italiano che non è ice cream di Gloria Vanni

Io credo. Dialogo tra un’atea e un prete di Rita Fortunato

Essential Tools: 3 piattaforme di crowdsourcing di Francesco Ambrosino

Tool per Blogger: oggi vi racconto Wiralist! di Valentina Coppola

[MONDO BLOG]: Basta mollo tutto e chiudo il blog! di Andrea Toxiri

Le adozioni e segnalazioni sono state effettuate da: Silvia Biasio, Sergio Consoli, Rita Fortunato, Marco Freccero

Buona lettura!

a cura di Paola Chiesa


Tutti parlano di buoni propositi…

Buoni propositi
Buoni propositi per l’anno nuovo

E allora ecco i nostri buoni propositi, o meglio quelli che ci piacerebbe vedere applicati; abbiamo pensato a qualcosa di (ovviamente) diverso ed originale:

se sei un filosofo chiamala successione di Fibonacci, se sei più pragmatico chiamala realtà aumentata.

0 Chi non ha nulla da dire volendo potrebbe anche restare in silenzio
1 Tutti quelli che dispensano consigli su come fare per ottenere il meglio dai social, per una volta potrebbero limitarsi a darli se gli vengono richiesti
1 Cosa ci fai sul piedistallo col ditino alzato? O sei un direttore d’orchestra oppure scendi dai e siediti con gli altri, magari in cerchio…
2 E per una volta chiedere consigli? Ad esempio su come viene percepito il proprio modo di agire, la
propria persona; è indice di umiltà, modestia e rispetto degli altri, in particolare di quelli con cui desideri interagire
3 Il personal branding non vale solo per il cliente; potresti stupirti a scoprire, bevendo il caffè in un bar senza wifi, che la gente si fida di te perché gli hai dimostrato umanità o gli hai dedicato semplicemente parte del tuo tempo prezioso
5 Siccome social non significa né nicchia né trendy né elite, ma deriva da societas, composta da tanti socii, cioè compagni, amici, alleati, che variamente aggregandosi, interagiscono al fine di perseguire uno o più obiettivi comuni, non avere paura degli sconosciuti, sii sufficientemente curioso per capire se il loro obiettivo è sovrapponibile al tuo!
8 Una rete di persone, aziende ed enti? Perché non chiamarla Comunità?


Let’s dance!

social network
Social network

Non importa quale social network usi di più…che sia facebook o twitter o google+ o pinterest o altro poco importa… di base c’è che cerchi un contatto con l’ambiente circostante, per osservarlo, migliorarlo, criticarlo, condividerlo…
Che tu lo voglia o no, diventi l’anello di una catena, una maglia della rete: se debole o forte sta a te deciderlo, dipende da quanto sarai in grado di interagire nella comunità di riferimento, e di far sentire la tua voce. Con l’accortezza di non essere un anello né troppo forte né troppo debole, perché in entrambi i casi il risultato è identico: la catena si spezza.

Che dire, un bell’esercizio di equilibrio e di coscienza collettiva! Quindi balliamo!