Let’s dance!

social network
Social network

Non importa quale social network usi di più…che sia facebook o twitter o google+ o pinterest o altro poco importa… di base c’è che cerchi un contatto con l’ambiente circostante, per osservarlo, migliorarlo, criticarlo, condividerlo…
Che tu lo voglia o no, diventi l’anello di una catena, una maglia della rete: se debole o forte sta a te deciderlo, dipende da quanto sarai in grado di interagire nella comunità di riferimento, e di far sentire la tua voce. Con l’accortezza di non essere un anello né troppo forte né troppo debole, perché in entrambi i casi il risultato è identico: la catena si spezza.

Che dire, un bell’esercizio di equilibrio e di coscienza collettiva! Quindi balliamo!


Social e cavalli

“Seabiscuit – Un mito senza tempo” (2003)

Un cavallo particolare, pigro, un po’ sovrappeso e con un difetto nell’andatura, e soprattutto più piccolo del normale…; nelle corse partiva in sordina, timidamente, forse non consapevole delle sue potenzialità. Ma aveva una particolarità: quando riusciva ad affiancare il cavallo che era in testa, quasi lo fissava negli occhi, da lì un’intesa, un fare coscienza delle proprie capacità e poi via, volava verso il traguardo come un fulmine. E non ce n’era più per nessuno… Perché lui non sapeva di essere piccolo, non era consapevole dei suoi limiti e quindi correva col cuore, e non con le gambe

Il suo inizio sfortunato nel mondo delle corse lasciò il posto ad una nuova ed inaspettata rivincita; il cavallo divenne un improbabile campione e un simbolo di combattività, dando speranza al popolo americano che in quel periodo della storia era molto provato a causa della Grande Depressione.

C’è differenza tra essere social e parlarne

In fondo ognuno di noi non sa mai esattamente chi è fino a quando non si confronta con gli altri. E negli “altri” c’è tutto: il buono il cattivo il giusto l’ingiusto il mite il prepotente il modesto l’opportunista…
Ma se sulle tue gambe (anche storte) stanno camminando ideali e valori che arrivano da lontano ed hanno (ancora) una meta, allora gente guardiamoci pure negli occhi e intendiamoci: o si corre insieme verso il traguardo, e la vittoria sarà del lavoro di squadra di tutti (cavallo fantino e allenatore), oppure qualcuno mangerà comunque polvere!